• Today is: sabato, Gennaio 23, 2021

Tampone positivo dopo il vaccino, il caso dell’infermiera: “Nessun allarme”

Vaccino anti-Covid in Italia, Arcuri: "Stiamo organizzando un piano che coinvolga amministrazioni regionali e comunali"

Una infermiera spagnola è risultata positiva al coronavirus con un tampone effettuato il giorno dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino di Pfizer/BioNTech.

La donna, come riporta El Pais, fa parte della squadra di vaccinatori che ha iniziato domenica scorsa a iniettare il siero ai residenti di una casa di riposo a Lleida, in Catalogna.

Un test per il coronavirus effettuato il giorno successivo dall’infermiera (che prima di ricevere il vaccino non è stata sottoposta a nessun tampone) ha dato esito positivo.

Le altre quattro infermiere dell’equipe e i 66 ospiti della struttura sono stati posti in isolamento precauzionale. Un’altra infermiera impiegata nella casa di riposo è risultata positiva ieri ma il dipartimento della Salute catalano ha spiegato che non c’è relazione tra i due casi.

Sul caso è intervenuto il farmacologo Silvio Garattini, presidente dell’istituto Mario Negri. “Non sorprende e non deve allarmare. È anzitutto una questione di tempi” ha spiegato all’agenzia.

“Il vaccino Pfizer, l’unico distribuito al momento in Europa, ha bisogno per essere efficace di due dosi: la prima e poi un richiamo dopo 21 giorni. Quindi visto che la donna ha ricevuto solo la prima dose è chiaro che non ha ancora sviluppato immunità”.

Inoltre anche dopo la seconda dose ci si può considerare protetti: “Servono altri 7 giorni affinché l’organismo sviluppi gli anticorpi. Insomma, dal giorno della prima dose ne devono passare 28 per essere ragionevolmente tranquilli” conclude Garattini.

 

 

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.