• Today is: venerdì, Ottobre 30, 2020

Strappo nel governo: si dimette il ministro Fioramonti

Il ministro dell’Istruzione Lorenzo FIORAMONTI ha dato le dimissioni con una lettera al premier Giuseppe Conte. Il passo dell’esponente pentastellato, più volte minacciato nel caso di fondi insufficienti per la scuola, si è così concretizzato dopo il via libera definitivo alla manovra.

Le voci delle dimissioni si erano infatti fatte insistenti già il 23 dicembre, dopo l’ok della Camera alla legge di bilancio ma la conferma da fonti di Palazzo Chigi è arrivata ieri in serata. Secondo indiscrezioni del Corriere della Sera, FIORAMONTI sostiene nella lettera che occorreva rivedere l’Iva, anche conservandone l’aumento, per riuscire ad ottenere i 3 miliardi di euro da lui richiesti per il proprio dicastero. Pochi giorni fa, a Trieste, in occasione del vertice dei ministri della ricerca, il ministro si era lamentato: “La scuola in questo Paese avrebbe bisogno di 24 miliardi.

I 3 miliardi che io ho individuato, non sono la sufficienza” ma “la linea di galleggiamento”. Ed il leader della Lega Matteo Salvini, la vigilia di Natale, aveva gettato il suo guanto di sfida: “Speriamo che almeno uno mantenga la parola. Aveva detto che se non ci sarebbero stati tre miliardi di investimento si sarebbe dimesso. Ministro FIORAMONTI, dimettiti e togli il disturbo”. Per la sua sostituzione torna a circolare il nome di Nicola Morra, presidente della commissione Antimafia, già indicato come possibile ministro durante la formazione del governo Conte-bis

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.