• Today is: martedì, Aprile 20, 2021

Sospensione AstraZeneca, parla direttore generale Aifa: “E’ sicuro, è stata una scelta di tipo politico”

Sospensione AstraZeneca, parla direttore generale Aifa: "E' sicuro, è stata una scelta di tipo politico"

Nicola Magrini, direttore generale dell’Aifa, rassicura sull’utilizzo del vaccino AstraZeneca. Dopo la momentanea sospensione, in via precauzionale, ha voluto chiarire alcuni aspetti importanti.

L’Aifa spiega perché è stato sospeso AstraZeneca

In un’intervista a Repubblica ha detto: “Il vaccino AstraZeneca è sicuro, mi sento di affermarlo anche dopo aver rivisto tutti i dati. Il rapporto benefici-rischi è ampiamente positivo. Si è arrivati alla sospensione – continua Magrini – perché diversi Paesi europei, tra cui Germania e Francia, hanno preferito interrompere la vaccinazione dopo singoli casi recenti di eventi avversi, che hanno suggerito di fare una pausa per le verifiche e poi ripartire. È stata una scelta di tipo politico”.

Gli eventi avversi sono stati “alcuni decessi avvenuti tra persone nella fascia di età 40-50 anni attribuiti a supposti eventi trombotici in particolare a livello cerebrale. Questi pochi casi, dopo una prima discussione ieri all’Ema (l’Agenzia europea del farmaco, ndr) sono stati riferiti al Comitato di farmaco-vigilanza per approfondimenti. Hanno destato un’attenzione fortissima da parte dei media, anche prima che fossero resi noti i risultati delle autopsie, alcune delle quali hanno poi escluso il nesso di casualità”

Magrini tranquillizza tutti quanti hanno ricevuto già la prima dose di AstraZeneca: “non devono fare niente se non segnalare eventuali sintomi al proprio medico. Le reazioni avverse, quando ci sono, si manifestano nelle ore immediatamente successive alla puntura. Dobbiamo avere fiducia nella ricerca e nel Piano vaccinale. Entro l’estate dovrebbero arrivare oltre 20 milioni di dosi al mese, e il prodotto russo Sputnik potrebbe essere valutato dall’Ema a maggio”. “AstraZeneca è sicuro” conclude. “Ma per fare il confronto tra i tre vaccini autorizzati in Europa servono ulteriori dati”.

Alessandro Fucci
Alessandro Fucci