• Today is: venerdì, Settembre 18, 2020

Pony Express, arrivano le richieste del pm: carcere per sei imputati, attesa l’arringa dei difensori

Pony Express, arrivano le richieste del pm: carcere per sei imputati, attesa l'arringa dei difensori

Sono in tutto sei le condanne nell’ambito dell’indagine Pony express, volta a sgominare una presunta rete di spaccio di hashish nella Valle telesina. L’attività investigativa è stata diretta dalla Dda e condotta dai carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita e dagli uomini delle stazioni di Telese e Solopaca.

L’indagine è iniziata nel 2015, all’epoca erano state già eseguite sette misure cautelari, nei confronti di altrettanti indagati coinvolti in un presunto giro di droga, che da Secondigliano portava l’hashish nelle piazze della telesina. Il pm della Dda, Luigi Landolfi ha presentato le sue richieste durante il processo. Sono in tutto sei le condanne, per il settimo è stato chiesto il non luogo a procedere.

Il pm, impossibilitato a parlare a causa di una forte raucedine, ha scritto le sue conclusioni, illustrando le pene che richiede: 16 anni a Raffaele Cavaiuolo, 59 anni, 14 anni ad Erminio Cavaiuolo, 34 anni, e Basilio Tanzillo, 44 anni, di Solopaca; 12 anni a Gennaro Barone, 31 anni, di Napoli, Denis Di Donato, 34 anni, di Solopaca, e Gianfranco Di Donato, 30 anni, residente a Telese Terme.

Il prossimo 18 dicembre i difensori presenteranno le loro arringhe, gli avvocati sono Angelo Leone, Ettore Marcarelli, Maria Carmela Fucci, Fabrizio Ravone ed Emilia Granata. Se non dovessero esserci ulteriori interventi da parte dei legali, il Tribunale procederà ad emettere sentenza. Per ora, oggi, ha respinto l’eccezione richiesta dall’avvocato Leone, sull’utilizzo delle intercettazioni telefoniche, che furono disposte all’epoca dell’indagine per il fenomeno della guardiania, in cui però, nessuno degli imputati era coinvolto.

 

Avatar
Andrea Aversa

Giornalista pubblicista e curatore delle sezioni “Esteri” ed “Economia”