• Today is: giovedì, Ottobre 1, 2020

Nè morto, né in coma: uscita pubblica di Kim Jong-un

Nè morto, né in coma: uscita pubblica di Kim Jong-un

l leader nordcoreano Kim Jong-un ritorna sui media statali a causa di una riunione del Politburo allargato, presieduto per far fronteggiare il Covid-19 e arrivo del potente tifone Bavi. Nel mezzo delle speculazioni sullo stato di salute e la delega di alcuni poteri alla sorella Kim Yo-jong per alleviare il suo “stress da governo” (secondo l’intelligence di Seul), il leader ha guidato martedì la riunione valutando “le lacune nel lavoro anti-epidemico sul virus maligno” e discutendo le misure d’emergenza “per prevenire danni a raccolti o vittime” del tifone atteso in settimana, ha riferito la Kcna.

Le foto della riunione, pubblicate dal Rodong Sinmun, la ‘voce’ del Partito dei Lavoratori, hanno mostrato Kim in abito bianco estivo, dello stesso tipo indossato la scorsa settimana, intento a parlare alla riunione, con l’immancabile sigaretta. A luglio Pyongyang ha imposto il lockdown a Kaesong, città a ridosso del confine con il Sud, per i timori di un caso sospetto di Covid-19 collegato al rientro di un disertore pentito. Le restrizioni sono state poi revocate a inizio agosto, senza che però ci fosse alcuna conferma pubblica dell’infezione. La Corea del Nord è stata colpita anche quest’anno dalle pesanti piogge che mettono a repentaglio i già precari raccolti: Kim, nel resoconto della Kcna, ha definito nella riunione i vari compiti per i dipartimenti, definendo “cruciale” la prevenzione per evitare vittime e danni all’agricoltura. Kim ha detto che lo sforzo per “prevenire che ci siano vittime causate dal tifone e ridurre al minimo i danni ai raccolti è un lavoro importante che non può mai essere trascurato nemmeno un momento dal nostro partito”.

Il leader ha puntato sull’orgoglio per risvegliare “i settori dell’economia nazionale a prendere misure immediate per prevenire i danni del tifone”. Il supremo comandante ha partecipato a sette riunioni del genere da inizio 2020, tutte dedicate alle questioni interne, e valutate dagli osservatori come un modo per consolidare l’unità interna e allentare il malcontento, tra sanzioni internazionali, pandemia del Covid-19 e, da ultimo, il rischio delle alluvioni. La scorsa settimana, Kim ha fatto un’insolita ammissione, citando il fallimento nell’attuazione del piano quinquennale di sviluppo economico a causa di sfide “gravi” e “inaspettate”. Il Partito dei Lavoratori terrà il suo congresso a gennaio al fine di mettere a punto un nuovo piano quinquennale.

Salvatore Fucci
Salvatore Fucci