• Today is: sabato, Ottobre 31, 2020

Il m5s verso l’estinzione. Tracollo alle elezioni

Ponte di Genova, Di Maio: "Abbiamo promesso di non far gestire più le autostrade a Benetton"

Il voto “bisogna ammetterlo: e’ stato un disastro. Abbiamo perso ovunque. E tanto. Il 70% che ha votato si’ al referendum non ha votato per noi”. Cosi’ l’ex ministra Barbara Lezzi sul Corriere della sera in cui parla del rischio di scomparire, della necessita’ di una nuova leadership e non dell’intesa con la sinistra. “Non credo che Crimi abbia colpe, lui ha fatto un buon lavoro in un momento concitato – osserva – Di Maio, inoltre, non dice come le avrebbe organizzate.

La responsabilita’ non e’ sempre di qualcun altro. Da noi gli elettori si aspettano determinazione, i candidati hanno scontato le indecisioni, che hanno disorientato la base. Molti nel governo hanno spinto per fare alleanze dopo aver scelto i candidati: questo genera confusione ed e’ segno di debolezza”. Sull’alleanza progressista: “E per fare cosa? Sostenere De Luca in Campania? Serve un progetto, una identita’. Prima delle alleanze bisogna pensare al cosa, poi al come, quindi al chi. Bisogna” fare gli Stati generali “immediatamente e porre all’ordine del giorno temi e nuovi obiettivi. Poi bisogna pensare a una nuova governance.

Si parla di una struttura a 5-7 persone ma io penso che serva qualcosa di piu’ ampio, una struttura che sia radicata nei territori e coordinata da un portavoce-capo politico”. “Il M5S non rischia la scissione, rischia di scomparire – rileva – si e’ parlato di rimpasto: il governo e’ questo e non deve cambiare. Noi siamo tanti. Chi e’ al governo pensi a destinare al meglio le risorse del Recovery fund”.

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.