• Today is: lunedì, Marzo 1, 2021

Governi, Renzi gode: “Con Draghi senza veti”

Fondazione Open, l'affondo di Renzi: "Una vergogna, un attacco alla democrazia"

Grazie a Mario Draghi – ha detto il leader di Iv Matteo Renzi al termine delle consultazioni -: averlo individuato come interlocutore per formare un nuovo governo ha portato immediatamente una ventata di credibilità e fiducia nel Paese. E’ una polizza assicurativa per i nostri figli e nipoti: nessuno può negarlo. Siamo nel periodo storico in cui l’Italia avrà più soldi da spendere nella storia, e questo ci porta a dire che chi meglio di Draghi può gestire questo passaggio”. “Sosterremo il governo Draghi indipendentemente da quanti ministri tecnici e politici ci saranno”.

“Mi auguro che tutte le forze politiche esprimano lo stesso sostegno a Draghi: il presidente della Repubblica ha fatto appello a tutti – ha aggiunto Renzi -, chi oggi pone veti non fa solo un errore politico ma rifiuta l’appello del presidente della Repubblica che ha escluso per questo governo una connotazione politica e ha parlato di un governo cui tutte le forze possano dare un sostegno”. “Se da questa crisi usciremo con un governo Draghi l’Italia sarà più forte”. “Ai giovani dico: non seguite i sondaggi ma le vostre idee. E’ il messaggio che Iv lancia a chi sta pensando di impegnarsi in politica. Il bene del Paese viene prima. Grazie a chi ha sostenuto la nostra scelta contrcorrente come Bonetti, Bellanova e Scalfarotto”, ha concluso. “Iv esprime un deferente messaggio di riconoscenza e gratitudine al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per l’autorevole e alto magistero, per la grande capacità di risoluzione della crisi, per essere stato ed essere in questi sei anni un arbitro rispettoso delle regole. Mattarella è sempre stato arbitro, in particolar modo in questa fase in cui la situazione pandemica è particolarmente grave”.

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.