• Today is: sabato, Dicembre 5, 2020

Folla, maglie bianche e tanto dolore: l’ultimo saluto a Willy Monteiro

Sono gia’ centinaia le persone in fila per‎ entrare al campo sportivo di Paliano, in provincia di Frosinone, dove tra circa un’ora inizieranno i funerali di Willy Monteiro Duarte, il giovane assassinato a Colleferro.

Anche i parenti del ragazzo sono arrivati, in lacrime: sull’auto una fotografia del figlio ucciso. Familiari e amici indossano maglie e camicie bianche, come la maggior parte dei partecipanti: e’ stata una richiesta della famiglia del giovane, come “segno di purezza e di gioventu’” aveva riferito il sindaco di Paliano.

Nel campo sportivo, in attesa dell’inizio della cerimonia, moltissimi ragazzi sulle sedie in plastica disposte sul manto erboso con maglie bianche e la scritta ‘Ciao Willy’. Alle esequie sono attesi, tra gli altri, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

All’esterno della saletta della camera mortuaria del Policlinico Tor Vergata, dove giace il corpo di WILLY Monteiro Duarte, c’è un libro per le firme e le dediche: ci sono decine di pagine di pensieri in memoria del ragazzo ucciso dopo un pestaggio domenica scorsa a Colleferro. “Angelo coraggioso, non ti dimenticheremo”, “resterai per sempre con noi”. All’interno, mamma Lucia è in piedi davanti alla bara: è stremata dalla fatica e dal suo dolore, l’altra figlia e il marito cercano di farle forza.

Indossano camicie bianche, lo stesso colore dei fiori che circondano il feretro. All’esterno, la polizia locale di Artena e Paliano che farà strada al carro funebre verso il piccolo comune dove alle 10 ci sarà l’ultimo saluto a WILLY. Gli agenti e i funzionari si affacciano nella sala e ne escono con gli occhi lucidi. Lo fanno anche molte persone comuni, parenti che piangono altre persone che non ci sono più, operatori sanitari.

Tre di loro entrano nella sala per manifestare la loro vicinanza alla famiglia Monteiro. “Ho un figlio che ha 18 anni, pochi in meno di WILLY”, racconta Angela, tra le lacrime. “Quello che è successo riguarda tutte le madri, è un dramma di tutte le famiglie. Mi sono sentita di fare le condoglianze alla madre e di dirle che il sacrificio del suo angelo non sarà dimenticato.

Mi ha ringraziato con un filo di voce, non aveva nemmeno la forza di parlare”, dice. Non ci sono amici perché li aspettano a Paliano: alle 9.10 il feretro viene trasferito sul feretro, davanti alla camera mortuaria c’è un piccolo gruppo di persone in raccoglimento. Mamma Lucia è sempre dietro, in piedi con il suo dolore composto, senza mai perdere lo sguardo dalla bara in legno chiaro che custodisce il corpo del figlio. Quell’”angelo coraggioso” che Paliano è pronta a salutare per l’ultima volta.

Salvatore Fucci
Salvatore Fucci