• Today is: venerdì, Settembre 18, 2020

Esplosioni Beirut, tra le vittime anche una donna italiana

C’è anche una donna di origine italiana tra le oltre 150 vittime delle due esplosioni che due giorni fa, martedì 4 agosto, hanno distrutto l’area del porto di Beirut, capitale del Libano. Si tratta di Maria Pia Livandiotti, italo-libanese di 92 anni, nata nella capitale libanese nel 1928, e vedova Lutfallah Abi Sleiman, già medico di fiducia dell’ambasciata d’Italia in Libano. Dieci i connazionali feriti in modo lieve.

La donna, secondo quando si apprende dall’ambasciata, era in casa quando è avvenuta l’esplosione. E’ deceduta in seguito a un trauma cranico dovuto alla forza d’urto della deflagrazione. A ritrovare il corpo senza vita è stato il figlio una volta rientrato in casa.

Continua ad aggravarsi il bilancio delle vittime, ancora provvisorio, della tragedia avvenuta nel porto di Beirut. Il ministero  della Sanità, così come riportano le tv satellitari arabe, ha confermato che  sono almeno 157 i morti e 5.000 i feriti a causa dell’esplosione che martedì ha devastato parte della capitale libanese. Il governo libanese chiede l’arresto di tutti i responsabili dello stoccaggio.

 

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.