• Today is: lunedì, Settembre 28, 2020

Esami di educazione fisica con la mascherina, morti due studenti cinesi

Due studenti cinesi di 14 e 15 anni sono morti a scuola per un improvviso arresto cardiaco mentre svolgevano gli esami obbligatori di educazione fisica. Secondo le famiglie delle vittime il malore sarebbe stato provocato dall’uso della mascherina durante l’intesa attività fisica.

La Cina, dopo i duri mesi di Lockdown per il Coronavirus, è ripartita. Sono state aperte anche le scuole ma con misure ferree di sicurezza e distanziamento sociali. Hanno fatto il giro del mondo le foto dei piccoli studenti cinesi che seguono le lezioni con mascherina, cappello con metro integrato per il distanziamento sociale e banchetti muniti di divisori. Ma in queste condizioni non si rinuncia all’educazione fisica. E proprio durante queste lezioni due studenti sono morti a soli 7 giorni di distanza, tra il 24 e il 30 aprile, in due città diverse della Cina ma in condizioni praticamente identiche. Una delle scuole si trova nella contea di Dancheng nella provincia di Henan e l’altra nella città di Changsha nella provincia di Hunan, entrambi nella Cina centrale.

Il quotidiano australiano “7News” ha riportato le parole del padre del 14enne: ““Sospetto che sia avvenuto perché indossava una mascherina. C’era il sole e la loro lezione di educazione fisica era nel pomeriggio e c’era caldo. Non si doveva indossare una mascherina durante la corsa”.

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.