• Today is: domenica, Febbraio 28, 2021

Draghi, la svolta: l’ex Presidente della Bce lavora ad un Governo tecnico-politico

Inizia le consultazioni nel pomeriggio, ma alle spalle ha una mattinata di lavoro piena. Con tante mine lungo la via, ma anche tanta determinazione. Il premier incaricato Mario Draghi disegna il governo che dovrebbe nascere nei prossimi giorni, domani e sabato ha altri due giorni per sondare le forze politiche e capire come comporre la squadra. Che tuttavia, dovrebbe avere al suo interno non solo tecnici ma anche ministri con la casacca di partito, “uno per ogni forza politica, al massimo due per i partiti maggiori”, riferiscono fonti beninformate all’Adnkronos. Mentre il rebus delle forze politiche che lo sosterranno non è ancora sciolto. Anche se oggi si registrano decisi passi avanti.

Il Recovery con ogni probabilità verrà riscritto, “con uno sguardo lungo a progetti ad alto rendimento”, come spiegava lo stesso Draghi il 15 dicembre scorso, in un colloquio al Corriere della Sera in cui, sommessamente, cercava di dare qualche consiglio al Paese. Ma ora, prima di mettere mano a quel piano che consentirà all’Italia di disporre di ben 209 miliardi di euro, Draghi dovrà comporre la maggioranza che gli consentirà di affrontare una nuova sfida. E non sarà affatto semplice. Poi mettere in piedi la squadra.

E se sui ‘tecnici’ avrà più o meno già in mente il suo gabinetto ideale -tra gli altri girano i nomi di Marta Cartabia, Fabio Panetta (che però occupa un posto strategico nel board della Bce), Carlo Cottarelli, Enrico Giovannini, Dario Scannapieco, Lucrezia Reichlin- sul fronte politico le cose sono destinate a complicarsi. Intanto perché serve discontinuità con il governo precedente se si vuole allargare la base parlamentare, ma preservando i lavori in corso, vedi l’azione del ministero della Salute in piena emergenza. Ma anche nel ‘pesare’ l’ingresso dei partiti: con i big o meno. Intanto, due pesi massimi oggi si tirano fuori: non sarà della partita Matteo Renzi, a sentire le sue parole; e lo stesso premier uscente Conte sarebbe orientato a non fare parte della squadra, per puntare al ruolo di ‘federatore’ dell’alleanza tra M5S e Pd-Leu.

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.