• Today is: lunedì, Novembre 23, 2020

Covid, la Campania esplode: l’allarme degli infermieri

"Terra dei Fuochi", De Luca contestato: lancio di sacchetto di immondizia contro il Governatore

Stiamo monitorando 24 ore su 24 la situazione della sanita’ pubblica in Campania in pieno clima di ripresa del covid-19. E quello che viene fuori, giorno dopo giorno, attraverso i nostri referenti regionali, e’ il desolante disegno di un quadro allarmante, letteralmente a rischio esplosione”. E’ quanto afferma Antonio De Palma, presidente nazionale del Nursing Up, Sindacato Infermieri Italiani, commentando un report interno sulla situazione delle strutture ospedaliere campane. “Cosa succede in Campania? Possibile – osserva De Palma – che nessuno racconti di un possibile collasso verso il quale si arriverebbe inevitabilmente, senza via di uscita, se si arrivasse al numero di contagi della Lombardia dello scorso marzo, alla luce di un virus che, se si facesse virulento come in primavera, sarebbe impossibile da sconfiggere? Ci si puo’ affidare alla sola speranza che tutto questo non accada senza avere le armi per fronteggiare l’emergenza?

L’esempio dell’Area Covid dell’Ospedale del Mare e’ a limiti della sopravvivenza umana. I posti letto in terapia intensiva ci sono, ma mancano respiratori, manca personale, e chi opera in prima linea contro il “mostro” lo fa da precario. Su 21 infermieri solo sei sono contrattualizzati. Fino al 31 dicembre. Una situazione mostruosa”. “La verita’ – sottolinea il presidente del sindacato infermieri – e’ che in particolare la sanita’ pubblica in provincia di Napoli, in un territorio esteso e quindi carico di potenziali pazienti ma soprattutto potenziali ammalati Covid, con il Cardarelli e il San Giovanni Bosco ai primi due posti per infermieri contagiati, paga il dramma di quei tagli che ben prima della gestione De Luca hanno portato aree come l’Asl Napoli 1 da circa 13 mila a 7200 posti di lavoro, e questo per fronteggiare i debiti da capogiro. E chi subisce oggi le scelleratezze della politica italiana? Gli infermieri, chi altri. Esposti al rischio costante, in piena ripresa pandemia, di ammalarsi e di rimetterci anche la vita. Come sindacato – conclude la nota del Nursing Up – noi non possiamo rimanere a guardare, denunciamo l’esistenza di una bomba ad orologeria, pronta a esplodere se non si interviene immediatamente. Chiediamo al Governo, al Ministro della Salute Speranza, al Presidente della Regione De Luca, strategie adeguate e immediate, non parole e non azioni di facciata”.

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.