• Today is: giovedì, Novembre 26, 2020

Coronavirus, protocollo Tsunami per la cura al plasma: oltre 320 pazienti arruolati

cura plasma

Continua la sperimentazione dell’utilizzo del plasma per curare il Coronavirus. “Sono al momento 320 i pazienti arruolati dal protocollo Tsunami, la sperimentazione clinica nazionale per la cura dei pazienti Covid con il plasma iperimmune donato da chi e’ guarito dalla malattia”. A riferirlo è Francesco Menichetti, primario del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale di Pisa e coordinatore della sperimentazione clinica.

Cura del Covid con il plasma, a che punto siamo?

I primi risultati della sperimentazione li avremo a fine mese – aggiunge – ma ora non sarebbe serio fare previsioni, perche’ non ci sono ancora sufficienti evidenze scientifiche per dire se questa cura e’ efficace o se non lo sia. Dobbiamo continuare la sperimentazione e comparare i risultati con altre sperimentazioni prima di arrivare alle conclusioni”. Intanto anche il servizio trasfusionale e l’officina trasfusionale dell’Azienda ospedaliero-universitaria senese rende noto di aver aderito a Tsunami: eseguite oggi a Siena, si spiega, “le prime visite di idoneita’ di pazienti guariti dal Covid-19: se rispondera’ ai requisiti minimi di presenza di anticorpi neutralizzanti anti Sars-Cov2, il loro plasma sara’ lavorato nell’officina trasfusionale e messo a disposizione dei pazienti delle aree Covid che ne avranno necessita'”.

“Con l’adesione a Tsunami – afferma Giuseppe Campoccia, direttore del centro emotrasfusionale dell’Aou Senese – allarghiamo il fronte anche ai pazienti convalescenti o guariti dal Covid-19 e quindi anche chi in passato e’ risultato positivo ai test sierologici potrebbe contribuire ad arricchire le nostre disponibilita’ di plasma iperimmune, ovviamente solo nei casi in cui ci sia l’idoneita’ per la donazione”.

Mariacarmela Fucci
Mariacarmela Fucci