• Today is: giovedì, Maggio 6, 2021

Conferenza organizzata da Biden con leader mondiali sulla carbon tax, von der Leyen: “La natura non può più pagarlo”

Ne’ von der Leyen ne’ Michel rispettivamente presidenti di Commissione e Consiglio europeo hanno calcato la mano sulla ‘carbon tax‘ nel corso della conferenza con i leader mondiali organizzata da Biden sul clima. Anche se la posizione europea e’ chiara, la prudenza e’ massima.

Von der Leyen si e’ limitata a ricordare che il carbonio ‘deve avere il suo prezzo perche’ la natura non puo’ pagarlo piu”; l’ex premier belga ha ribadito piu’ esplicitamente che la Ue ‘vuole eliminare il carbonio dal modello di business ed e’ essenziale preservare condizioni di parita’ a livello globale perche’ la rilocalizzazione delle emissioni di carbonio nelle nostre economie e’ dannosa’. Tuttavia a Bruxelles si procede con i piedi di piombo: da un mese John Kerry, ‘inviato’ del presidente americano sul clima, continua ripetere nei suoi contatti di alto livello con gli esponenti europei che la Ue deve evitare di mettere piedi una nuova tassa prima dell’incontro mondiale a Glasgow del novembre prossimo (Cop26).

La Commissione ha annunciato la proposta entro la prima parte di quest’anno, ma prevede possa essere operativo se tutto filasse liscio da gennaio 2023. Sulla ‘carbon tax’ si gioca un’importante partita globale, ma anche all’interno della Ue: diversi Paesi, Germania in testa, temono che una tassa unilaterale rischi ritorsioni commerciali che sarebbero dannose per l’economia nazionale ed europea. Antonio Pollio Salimbeni

Mariacarmela Fucci
Mariacarmela Fucci