• Today is: mercoledì, Novembre 25, 2020

Cassa integrazione in ritardo, il governo annuncia semplificazioni

“Il governo vuole vincere la sfida della semplificazione amministrativa e della riduzione degli adempimenti burocratici. Per questo, già nel prossimo decreto-legge di sostegno all’economia, introdurremo un meccanismo semplificato di erogazione della Cassa in deroga“. E’ quanto annuncia il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

A tenere banco è il tema della cassa integrazione che a distanza di oltre un mese non è ancora arrivata a migliaia di lavoratori. Stando a quanto si legge sul sito dell’Inps, sono 305.434 le domande di Cassa integrazione in deroga determinate dalle singole Regioni e inviate all’Inps per autorizzazione al pagamento. Di queste, 206.904 sono state autorizzate dall’ente previdenziale e 57.833 sono state pagate, corrispondenti a una platea di 121.756 beneficiari.

I numeri sono in crescita per questo particolare strumento, uno dei tre ammortizzatori anti-Covid19. Al 3 maggio le domande dalle regioni erano, infatti, molto più basse e pari a 173.565, di cui 85.046 autorizzate dall’Inps e 29.600 pagate a una platea di 57.975 beneficiari.

Polemiche da parte dei sindacati che in un appello congiunto chiedono di “intervenire per superare i ritardi che si stanno accumulando sia per l’erogazione dei trattamenti di cassa integrazione sia per l’erogazione degli anticipi da parte del sistema bancario sia per l’azione delle Regioni in riferimento alla cassa in deroga”.

 

 

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.