• Today is: mercoledì, Gennaio 20, 2021

Caserta tira un sospiro di sollievo, trapianto di cuore a Ilaria riuscito: battito regolare

E’ terminato poco prima delle 19 l’intervento di trapianto di cuore a cui è stata sottoposta Ilaria, ragazzina di 11 anni, originaria di Marcianise, che da un anno attendeva un organo nuovo. Era da un anno che era attaccata a un cuore artificiale in attesa di cambiare la sua vita.

L’operazione è stata eseguita presso l’ospedale Monaldi di Napoli, lì un equipe di medici ha operato la bambina da questa mattina per oltre 8 ore. Un intervento lungo che ha portato i suoi risultati, il cuore nuovo di Ilaria batte regolarmente, adesso le prossime 24/48 ore saranno decisive per definire l’esito del trapianto.

A comunicare la notizia è stato Antonello Velardi, ex sindaco di Marcianise, che da questa mattina attraverso la sua pagina Facebook ha informato sull’operazione, annunciando i singoli aggiornamenti alle tante persone che sono state in apprensione per Ilaria.

Nel post si legge:

Si è concluso poco prima delle 19 l’intervento di trapianto del cuore di Ilaria Savino, la ragazza undicenne di Marcianise entrata stamattina in sala operatoria al Monaldi. L’operazione si è conclusa, il cuore trapiantato è ripartito: batte regolarmente. La circolazione non è più affidata alla macchina che ha accompagnato Ilaria in quest’ultimo anno.

Una parte dell’equipe è ancora al lavoro in sala operatoria, Ilaria sarà trasferita in terapia intensiva a momenti. Il primario Andrea Petraio è uscito e ha incontrato i genitori, in attesa all’esterno del blocco operatorio. E’ sfinito: la sua è stata una maratona, cominciata 24 ore fa. Sfiniti sono anche i genitori e tutti noi che abbiamo seguito con trepidazione le fasi dell’intervento.

Occorrerà adesso attendere un po’ – come da prassi – per avere notizie certe sul prosieguo. Le prossime 24/48 ore saranno decisive. Ad Ilaria un forte abbraccio, all’equipe medica la massima riconoscenza, a voi tutti un grande grazie per le preghiere e la vicinanza. Al buon Dio il grazie più grande.

Alessandro Fucci
Alessandro Fucci