• Today is: giovedì, Novembre 26, 2020

Brexit, è confusione a Westminster: Johnson contro il Parlamento

Brexit, è confusione a Westminster: Johnson contro il Parlamento

All’orizzonte non c’è il caos che ha portato alle dimissioni di Teresa May, ma la situazione nella quale si sta destreggiando Boris Johnson non è affatto semplice. Il Primo ministro inglese aveva trovato un accordo con l’Unione Europea.

Una “soft Brexit” sembrava ormai in arrivo, ma i parlamentari di Westminster hanno stoppato il tutto. Il voto contrario emerso dalla Camera dei Comuni ha fatto arenare il patto tra JohnsonBruxelles.

Per questo il Premier ha chiesto all’Ue di rinviare la data dell’uscita del Regno Unito. Il 31 ottobre, infatti, scade il tempo per il quale Gran Bretagna ed Europa devono trovare un accordo definitivo per la Brexit.

Ad oggi, senza questo passo che l’Ue dovrebbe fare nei confronti di Londra, un’hard Brexit e un no Deal sembrerebbero vicinissimi. Eppure, Johnson era riuscito a mettere tutti d’accordo, persino i rappresentanti del partito nord irlandese.

Belfast avrebbe fatto parte della Gran Bretagna ma restando nell’orbita comunitaria. Questo avrebbe scongiurato un nuovo confine doganale con la Repubblica d’Irlanda e accelerato in futuro il processo d’unione definitivo di entrambe le Irlande.

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.