• Today is: sabato, Agosto 15, 2020

Appalti pilotati dalla ‘Ndrangheta, decine di arresti e 103 milioni sequestrati: coinvolto anche deputato leghista

Per dieci anni hanno pilotato gli appalti pubblici per favorire il clan Piromalli della ‘Ndrangheta nei lavori pubblici realizzati a Gioia Tauro e nelle zone limitrofe.

Sono queste le pesanti accuse rivolte a un cartello di 57 imprenditori che con la benedizione della ‘Ndrangheta si è spartito gli appalti pubblici. E non ci sono solo impresi calabresi. Tutti si conformavano alle regole dettate dai Piromalli, che tramite le proprie potenzialità economiche e con la complicità di 11 funzionari comunali aggiustavano gare, assegnavano i lavori a ditte amiche e gestivano un sistema che prima o poi garantiva a tutti il posto alla tavola imbandita dell’appalto pubblico.

Fra gli imprenditori coinvolti nell’indagine della Guardia di Finanza, coordinata dalla procura antimafia di Reggio Calabria, c’è anche il deputato leghista calabrese Domenico Furgiuele, ex amministratore e titolare della maggioranza delle quote della Terina costruzioni.

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.