• Today is: martedì, Ottobre 20, 2020

Allarme Covid-19 nel Regno Unito, Johnson impone nuove restrizioni: linea simile per la Scozia

Allarme Covid-19 nel Regno Unito, Johnson impone nuove restrizioni: linea simile per la Scozia

Continua a preoccupare la situazione dei contagi da Covid-19 nel Regno Unito, che ha spinto Boris Johnson a prendere importanti decisioni. Nuove limitazioni erano state annunciate in precedenza con il primo ministro britannico che ha avvertito che le norme potrebbero durare fino a sei mesi.

In Inghilterra, le regole sui dispositivi di protezione individuale per il viso sono state ampliate e il numero di persone ammesse ai matrimoni è stato dimezzato. Pub, ristoranti e altri luoghi di ospitalità dovranno chiudere entro le 22, mentre anche le multe per la violazione delle norme aumenteranno a 200 sterline alla prima trasgressione.

Restrizioni anche in Scozia a causa del Covid-19

Linea simile seguita anche dal governo scozzese, attraverso un annuncio televisivo tenuto ieri sera da parte della premier Nicola Sturgeon subito dopo quello del primo ministro britannico Johnson, ha annunciato nuove misure restrittive, alcune di esse piu’ stringenti rispetto a quelle promosse dal governo del Regno Unito.

A partire da venerdi’ 25 settembre infatti saranno completamente proibite in Scozia visite tra membri nuclei familiari diversi, in aggiunta all’obbligo tassativo di chiusura di pub e ristoranti entro le 22. Tuttavia, a differenza di Johnson che ha dichiarato le restrizioni potrebbero durare fino a 6 mesi, Sturgeon ha detto nel suo discorso che ci saranno revisioni periodiche delle misure, e che queste saranno mantenute a tempo indeterminato, con revisioni periodiche.

Salvatore Fucci
Salvatore Fucci