• Today is: sabato, Agosto 15, 2020

Afroamericano soffocato da poliziotto, proteste in più città: uccisi agente e giovane

Non si fermano le proteste negli Stati Uniti dopo l’omicidio di George Floyd, l’afroamericano di 46 anni soffocato da un poliziotto durante l’arresto a Minneapolis. Nelle ultime ore le proteste sono esplose in più stati americani e hanno provocato anche due vittime.

Si tratta di un ragazzo di 19 anni ucciso a Detroit da un proiettile esploso all’interno di un Suv che si è poi allontanato velocemente. L’altra vittima è un poliziotto: un militare del Servizio di protezione federale raggiunto da un proiettile a Oakland in California. Ferito un altro agente in modo non grave.

Intanto l’agente, Derek Chauvin, 44 anni, è stato arrestato nelle giornata di ieri con l’accusa di omicidio colposo. Insieme ad altri tre colleghi (non raggiunti da alcuna misura cautelare) è stato licenziato dal corpo di polizia nei giorni scorsi.

Intanto la famiglia di George Floyd ha chiesto di effettuare un’autopsia indipendente sul corpo dell’afroamericano dopo che i risultati di una prima autopsia hanno escluso lo strangolamento e l’asfissia come causa del decesso.  Secondo l’autopsia effettuata sul cadavere di George Floyd non ci sarebbero elementi che provano lo strangolamento come causa del decesso. A provocarne la morte sarebbe stato un insieme di cause: “l’essere immobilizzato, le sue patologie pregresse, compresa una malattia cardiaca, e la presenza di una sostanza tossica nel corpo”.

 

Redazione
Redazione

Il Rinascimento Magazine è un contenitore web di news Italiane ed Estere, con rubriche e approfondimenti su Food, Hi-Tech, Moda, Cultura e Tendenze.